#switchtolumia: Nokia Lumia 920 hands on test… forse

Qualche tempo fa mi sono iscritto al programma #switchtolumia trovandolo una iniziativa veramente interessante per aprire i propri prodotti al pubblico. Come noto, la casa svedese dopo i fasti del passato non è più riuscita a riprendersi con l’avvento degli smartphone, avendo deciso di puntare sul proprio sistema operativo Symbian, scelta ben presto rivelatasi fallimentare rispetto alla concorrenza Android, iOS e perfino BlackBarry.

nokia lumia 920

Sono stato un nokkiano per almeno 13 anni, dal mitico 3210 in poi, fino ad arrivare all’ultimo 6620 Classic: quando per esigenze professionali sono dovuto passare ad uno smartphone, la scelta non poteva che ricadere su Samsung e i suoi dispositivi Android. In passato, quando nella telefonia volevi dire Ferrari, dovevi pronunciare il nome di Nokia, oggi devi pronunciare il nome di Samsung: l’interesse verso il nuovo sistema integrato Windows 8 mi aveva spinto a provare questi terminali, soprattutto nell’ottica di sviluppare app per questo O.S.

Dopo qualche mese, lo Staff di Nokia Italia mi chiama per avvisarmi che sono stato selezionato per effettuare il test, e lo fa per altro nel giorno del mio compleanno, un bel regalo involontario. Il pacco comprende un Nokia Lumia 920, un Wireless Charging Pillow by Fatboy, un Playup della JBL. Nel pomeriggio di ieri 14 febbraio il pacco mi è stato consegnato, per cui ho cominciato a “registrare” il test.

Unboxing: si parte male. La scatola è mastodontica, e al suo interno non sono state applicate protezioni di alcun tipo. Gli oggetti sballonzolano di qua e di là, e già una prima preoccupazione che sia tutto integro. Le scatole dei prodotti all’interno non sono sigillate ma aperte, cosa che avrebbe potuto provocare la fuoriuscita dei componenti con relativi possibili danni, che sarebbe stato difficile dimostrare non essere causa mia. La relativa consunzione delle scatole dimostra che sono l’ultimo di una lunga serie di tester (cosa prevedibile), ma al di là di questo, se confronto la scatola del Nokia Lumia 920 con quella del Samsung Galaxy S3, trovo che quest’ultima sia molto più professionale per un dispositivo che costa 6 sacchi (a Roma = €600), oltre il 50% dello stipendio medio di un Italiano. Anche l’occhio vuole la sua parte, ma non si acquista certo un dispositivo in base alla sua scatola, quindi proseguiamo!

Accensione: per cominciare a fare la prova, bisogna che i vari componenti siano carichi. Attacco il JBL alla presa e inizia la procedura di ricarica, attacco il Lumia 920 e anche per lui inizia la ricarica.

Amara sorpresa!!! Dopo qualche minuto il display si accende e si blocca sulla scritta retroilluminata Nokia… Oh my gold, che è successo? L’arcano lo scopro subito in rete. Considerando che la batteria in ricarica rimane sempre ferma alla prima tacca rossa, ci sono due possibili spiegazioni:

  • il telefono è bloccato o peggio brickato, condizione che si può verificare quando si esegue un reset del dispositivo, soprattutto se di tipo hard: un problema che sembra affliggere l’accoppiata Windows Phone 8 + Nokia Lumia
  • la batteria del telefono è fallata, condizione che si può verificare quando su questi dispositivi si lascia che si scarichi completamente (e visto che la sua durata non è eccezionale l’eventualità non è così rara) 

Dopo una notte in carica, la tacca della batteria è ancora una soltanto, ergo il dispositivo è da classificare come dead, per quanto ne possa capire. Sia come sia, il mio test è già finito: se questo è il regalo della Nokia per convincere gli utenti a switchare su Lumia, rischiano di non fare molta strada. È veramente incredibile che un dispositivo che costa €599 di listino possa essere affetto da 2 problematiche di codesta entità, motivi imho sufficienti per indurre il consumatore a restare su Android o su iOS.

Ho avvisato lo Staff Nokia Italia di questa situazione, vedremo cosa rispondono, se mi sostituiranno il terminale con uno funzionante o se davvero il mio switchtolumia è terminato ancor prima di cominciare. Qualora avessi l’opportunità di proseguire il test, naturalmente aggiornerò questo post.

ORE 17:30: il supporto di Nokia Italia ha prontamente risposto al mio richiamo. Il dispositivo è stato spedito come funzionante, quindi non si spiegano i motivi di questo blocco e tendono comunque ad escludere che sia causato da una delle motivazioni di cui sopra. Se il dispositivo non si sblocca, lunedì provvederanno a sostituirmi il Lumia 920 con un altro sicuramente funzionante, con il quale spero di poter portare a termine questo test.

21/02/2012: il corriere mi chiama per avvertirmi che il pacco è ancora a Milano. Significa che non potrò riceverlo come programmato il 22 febbraio. Ma devo partire, ergo la consegna va posticipata di un’altra settimana. Questo test sta diventando un terno a lotto.

01/03/2012: finalmente il nuovo dispositivo è nelle mie mani, questa volta il corriere si è presentato puntuale. Scarico, lo attacco all’alimentazione del PC incrociando le dita: si accende!!! Il mio test può partire… Sorriso

08/03/2012: alle ore 16:00 si è conclusa ufficialmente la mia attività di test, di cui trovate qui di seguito il resoconto.

Usabilità: al sistema dei tile per chi viene da iOS e Android, ancora basati su un sistema di icone, bisogna fare l’abitudine. Come androidiano devo dire che preferisco decisamente l’interfaccia del robottino, non fosse altro perché ho tutto sotto controllo, e con la pressione di un tasto posso accendere/spegnere WiFi, 3G, GPS, etc., cosa che su W.P. costringe a qualche passaggio in più

Audio: ascoltare la musica su questo dispositivo è semplicemente sensazionale. Le casse del dispositivo in realtà non sono granché, ma inserendo le cuffie si ha a disposizione l’audio in Dolby Digital e la possibilità di attivare un equalizzatore che adatta l’ascolto ad una determinata tipologia di musica. D’altronde in esterno c’è un accessorio davvero utile come il JBL: si collega via bluetooth al dispositivo semplicemente avvicinandoli e lo si può portare con sé ovunque in casa lasciando il cellulare nella propria stanza… Rende il suono molto pieno, forse gonfiando eccessivamente i bassi. Ma collegando con il cavo il dispositivo al JBL è possibile anche in questo caso attivare le impostazioni avanzate dell’equalizzatore e dell’audio digitale in modo da registrare meglio l’ascolto esterno.

Reattività: le caratteristiche hardware lo rendono estremamente reattivo. Ricordo che è dotato di uno schermo PureMotion HD+ da 4,5” e 16 milioni di colori a 1280×720 pixel di risoluzione, è equipaggiato con uno Snapdragon S4 di tipo dual-core a 1,5Ghz, 1GB di ram, 32GB di storage (non espandibile e di cui almeno 7GB occupati di default dal sistema operativo) a cui si aggiunge SkyDrive (per i vecchi iscritti di Microsoft altri 25GB, altrimenti 7GB). Supporta inoltre il LTE, ovvero la connessione dati 4G e presenta una fotocamera PureView da 8,7MP con lente Carl Zeiss Tessar, 26mm di lunghezza focale, f2 di apertura (più una anteriore). Elevata autonomia di batteria grazie ai 2000mAh che consentono facilmente di coprire l’intera giornata anche con un uso frequente del dispositivo.

Fotocamera: tra le principali implementazioni del dispositivo vi è sicuramente il comparto fotografico. Non solo l’adozione della tecnologia PureView ma anche la scelta di dotare lo smartphone di un pulsante apposito, che lo trasforma in una piccola fotocamera da maneggiare come le classiche compatte. Il comparto di app fornito da Nokia per la gestione e l’elaborazione delle immagini è completo: ma per quanto la Nokia lo esalti soprattutto nelle scene notturne, proprio scattando di notte in modalità “night” ho registrato un netto sbilanciamento del bianco e una gestione del rumore assolutamente insufficiente, come potrete vedere dal video sottostante. In questo, il Galaxy S3 dimostra una capacità superiore proprio in condizioni di scarsa luminosità.

Per altre considerazioni e per vedere i risultati del comparto fotografico vi rimando a questo video che ho realizzato mettendo per altro a confronto il Lumia 920 con il Samsung S3.

Pro

  • il dispositivo è una scheggia: risponde fluidamente e perfettamente a tutti i comandi
  • durata della batteria superiore agli standard: generalmente 24h di lavoro garantite
  • l’ecosistema di applicazioni Nokia è completo, ci sono tutte le app fondamentali, l’idea poi di City Lens è davvero originale
  • avere Microsoft Office sul telefono (più OneNote) consente di aprire documenti e condividerli su SkyDrive per elaborarli su PC: per la produttività un sistema del genere è sicuramente un punto a favore. In più, Evernote è già presente in via ufficiale su W.P. Bella anche l’app di Moleskine
  • già nutrito il comparto delle principali applicazioni social come Facebook, Twitter, Linkedin, Skype (solo 1 volta mi ha mandato in crash il tel), Flickr, Foursquare, Whatsapp (funziona male) e Viber ma per esempio BigG non ha sviluppato nulla per W.P. (che strano!) quindi niente Google+ official per ora, così come niente Instagram. Anche sotto il profilo cloud si trovano Skydrive, YouSendit, TIM Cloud, Asus Webstorage (tra quelle che uso), per le altre come Box o Dropbox bisognerà attendere oppure affidarsi ad app di terze parti. Disponibile anche l’applicazione Rai.tv per vedere le dirette video dei principali canali della TV di Stato

Contro

  • l’idea della batteria insostituibile e fusa con la scocca in un monoblocco, se da un lato consente la ricarica wireless, dall’altro produce un vulnus grave: se salta dovete portare tutto in assistenza. Inoltre, la scocca così pensata non lascia spazio a schede supplementari: è una pecca su iOS, lo è su Windows, così Android può prendere il largo
  • Windows Phone 8 non consente l’impostazione di un indirizzo IP statico per il WiFi: un grave errore. La rete casalinga come nel mio caso si può cambiare, ma in azienda o altri luoghi dove ciò non può avvenire lo smartphone si potrà collegare solo in 3G/4G se il segnale arriva. È probabile che in futuro vengano sviluppate applicazioni ad hoc come esistevano nelle vecchie versioni di Android
  • l’ecosistema dello store è ancora povero, ma questo dipende dalla gioventù del sistema e dalla sua per ora scarsa diffusione. L’integrazione perfetta lato desktop e la portabilità delle app sono i punti di forza del nuovo sistema Microsoft, bisognerà aspettare ancora un po’ per vedere i risultati

Consigli per l’acquisto: consiglierei l’acquisto del Nokia come primo dispositivo? Sicuramente sì, la casa svedese ha sfornato un progetto davvero eccellente sotto il profilo hardware. Se invece dovete fare #switchtolumia consiglierei di attendere un pochettino, molte delle app a cui sicuramente sarete abituati su iOS o Android non sono ancora disponibili e devo dire che mi sono mancate. Ma questo non è un problema di Nokia bensì di Windows Phone: si tenga però presente che la perfetta integrazione con Windows 8 per desktop renderà in futuro questo smartphone un dispositivo da avere.

Info Simone82
Google

One Response to #switchtolumia: Nokia Lumia 920 hands on test… forse

  1. xeno scrive:

    guarda io ho comprato un lumia 920 2 settimane fa e appena ho aperto la confezione (sigillata dalla pellicola) mi sono accorto che il terminale non funzionava al tocco,il tocuh screen non funzionava infatti. Il negozio non aveva un altro da sostituire e l’ha mandato in assistenza ma dopo 2 sett niente ancora. L’hanno scorso ho partecipato anche io allo switch con un lumia 800 e il test è andato nel migliore dei modi, io mi sono innamorato di quel terminale proprio li ma ti dirò data la mia esperienza con quelli di nuova generazione i materiali e non parlo tel telefono ma semplicemente dei cavetti avevano una rifinitura più accurata. I nuovi terminali che sono tutti fatti in china anche se i materiali sono importati ed è solo la manifattura cinese, ti dico che si sente molto la trascuratezza con cui il terminale è stato assemblato. Nel mio caso come è possibile che il touch non funziona? problema di softwer …? sicuramente no perchè secondo me gli operatori si sono semplicemente scordato di collegare il sensore touch o ne hanno messo uno che non funzionava. Allora se puoi nella recensione finale scrivi tutto quello che ti è successo e scrivi anche che nonostante il terminale ha caratteristiche migliore ad altri concorrenti il prezzo basso (perchè 600 euro sono poci se pensi che i concorrenti costano 700 euro e il lumia 820 costa 500) causa una perdita di qualità nell’assemblaggio, cosa che con le altre versione dei lumia 800 e 710 e gli altri telefono non si presentava.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: